Trasporto di liquidi in aereo

tutti i segreti per portare con te i liquidi senza problemi

Il trasporto di liquidi in aereo è uno degli aspetti che generano più errori e confusione nei viaggiatori. Questo spesso si trasforma in perdite di tempo e anche in perdita degli oggetti, specialmente se sono trasportati nel bagaglio a mano.

Quando si parla di viaggio aereo, le procedure di sicurezza anti-terrorismo sono un adempimento necessario per la sicurezza di tutti. Ci sono dei regolamenti ben precisi sul trasporto di liquidi nel bagaglio e alcune compagnie low-cost come Ryanair e Easyjet hanno dei regolamenti precisi sul trasporto di liquidi nel bagaglio a mano e in quello da stiva. Iniziamo quindi da una fonte sicura, dalle informazioni ufficiali e dal regolamento dell’Enac (l’ente nazionale per l’Aviazione Civile). Le regole sono poche e semplici, specialmente per il bagaglio a mano.

Iniziamo con il dire che i limiti relativi al trasporto di liquidi a bordo fanno riferimento al solo bagaglio a mano e non, invece, al bagaglio che viaggia in stiva (quello, per intenderci, che si consegna al check in).

Quali liquidi si possono portare in aereo?

Si possono portare in aereo tutti gli acquisti effettuati al duty free dell’aeroporto, cioè nella zona successiva ai controlli, che però dovranno essere sigillati e riposti in una busta di plastica trasparente dagli addetti del negozio in cui vuoi acquisterai bottiglie d’acqua, liquori o prodotti per il bagno. Al Duty free non ci sono problemi perché gli addetto sanno come comportarsi e ti prepareranno tutto il materiale con cura.

Si possono portante anche liquidi da casa, a patto che non superino i 100 ml per confezione, fino ad un totale di 1 litro, quindi massimo 10 piccole confezioni. Da regolamento i liquidi devono essere inseriti in una busta o sacchetto di plastica trasparente e richiudibile con cerniera o zip. Al momento dei controlli del bagaglio, dovrai estrarre e mostrare il sacchetto agli addetti della sicurezza aeroportuale, che verificheranno il rispetto delle regole riguardanti il trasporto dei liquidi in aereo nel bagaglio a mano (anche se io li tengo sempre nel mio beauty e non ho mai avuto problemi). Se no lo fai, può darsi che ti facciano aprire la valigia dopo il controllo per verificare che sia tutto ok.

Per evitare di dover ribaltare tutta la valigia e rischiare anche di perdere qualcosa, ricordati di posizionare la busta dei liquidi in una posizione facilmente raggiungibile della tua valigia o trolley, in modo da poterla rintracciare facilmente se ti sarà richiesto di mostrarla.

Viene fatta un eccezione in caso vi sia la necessità di trasporto di medicinali liquidi e particolari prodotti dietetici (ad esempio il cibo per neonati); questi liquidi  possono essere trasportati senza rientrare nel limite dei 100 ml ma è necessario comunque estrarli al controllo bagagli ed eventualmente fornire un certificato medico per le medicine.

Ma, cosa intende la normativa del trasporto aereo per “liquidi”?

In aggiunta alle sostanze liquide facilmente identificabili da chiunque, ecco un breve elenco di prodotti considerati di analoga consistenza e, dunque, anch’essi soggetti a restrizioni:

  • Bevande e preparati alimentari (minestre, sciroppi…)
  • Profumi, creme, lozioni ed oli (anche spray)
  • Gel e sostanze in pasta (per la cura della persona o di altro tipo)
  • recipienti sotto pressione, incluse schiume da barba, altre schiume e deodoranti
  • miscele di liquidi e solidi
  • mascara

Scarica l'infografica di ENAC

per avere sempre con te tutte le info
sui liquidi da portare in cabina

Buon viaggio con

TORNA SU